Nuovo Libro: presentazione venerdì 21 aprile a Tempo di Libri.

Venerdì 21 aprile 2017, presenterò il mio nuovo libro “Storia e geografia del Giro d’Italia” assieme a Mattia Bazzoni, di Gazzetta dello Sport, a Tempo Di Libri, la nuova fiera del libro di Milano che inaugura quest’anno. Ore 18:30, Sala Calibri – Padiglione 2. Sarà una fiera con molto spazio allo sport e alla narrazione sportiva in genere. “Storia e geografia del Giro d’Italia” parte dall’assunto che “i veri protagonisti del Giro d’Italia non sono i corridori, ma i luoghi”. Assieme discuteremo di passi, valli, ma anche città divenute scenario teatrale di tappe epiche e indimenticabili della Corsa Rosa. Una corsa che quest’anno, non dimentichiamolo, compie 100 anni. E partirà proprio dalla Sardegna, venerdì 5 maggio da Alghero, una terra che ha visto poche volte i ciclisti e la maglia rosa. Eppure una terra che vide una delle sue tappe più incredibili, quella del 2007, fu un cronoprologo, tra le minuscole isole dell’arcipelago incantato della Maddalena. E proprio a quella tappa e a quel luogo è dedicato un capitolo del mio nuovo libro. Di cui potete leggere qui una breve anticipazione:

12 maggio 2007, isola di Caprera.
C’è voluto il bicentenario della nascita di Garibaldi per riportare il Giro d’Italia in Sardegna. Un avvenimento più unico che raro, quasi che la Corsa Rosa, di questa terra aspra e brulla non ne volesse sapere: in circa cent’anni, di qui c’era passata appena due volte. La prima nel 1961, quando l’Italia compì un secolo, la seconda nel 1991. Essì che di salite e passi da queste parti non ne mancano, come sanno bene gli abitanti del Gennargentu o quelli dell’altopiano del Golgo.
L’edizione numero 90 del Giro d’Italia ha invece deciso di partire proprio da qui, dalla Gallura, la regione più a nord della Sardegna, nota soprattutto per la Costa Smeralda, i vip e le acque cristalline.
Tuttavia, per non rendere le cose troppo banali, oggi si partirà da una località particolare. Niente Cala Volpe, niente Porto Cervo, niente Billionaire, il Giro atterrerà su una piccola isoletta dal mare turchese e dal profumo di mirto e ginepro. Un minuscolo lembo di terra roccioso e fatato, staccato dall’isola maggiore soltanto da un braccio di mare. Un’isola nell’isola. , ci voleva un suo satellite impazzito.
Caprera fa parte dell’Arcipelago della Maddalena, quell’agglomerato di terre emerse che si trova a nord della Costa Smeralda e a sud della Corsica. Una sorta di meravigliosa indecisione geologica. Vuoi stare in Italia oppure ti senti francese? La Maddalena non lo sa. O, meglio, non l’ha ancora capito o deciso. Un po’ snob, e in questo è sicuramente poco sarda e molto più transalpina. Ma anche se il suo unico centro abitato viene chiamato “Piccola Parigi”, è sempre un luogo profondamente mediterraneo. Un cocktail indisciplinato di paesaggi e profumi che genera fascino in tutto il mondo (…)

Da Giacomo Pellizzari “Storia e geografia del Giro d’Italia” (Utet 2017)

Presentazione: venerdì 21 aprile, h. 18:30, Tempo di Libri (Milano, Rho Fiera), Sala Calibri, Pad. 2